La storia degli avvistamenti di volti umani ed oggetti sulla superficie di Marte

Succede a volte in Rete di trovare siti più o meno seri o testate giornalistiche che alla continua ricerca di click propongono, ai loro lettori, storie di strani avvistamenti avvenuti sul noto pianeta rosso. Tra le varie foto pubblicate, ci si può imbattere in quelli che a prima vista sembrano davvero oggetti e costruzioni più varie che viene facile associare per istinto ad antiche civiltà o che suscitano in molti fantasie sugli alieni.

Marte – immagine ripresa dalla sonda Viking 1 e pubblicata dalla NASA il 31 Giugno del 1976

Ovviamenti alla NASA non sono cattivoni e non c’è nessun complotto in atto per nascondere le prove dell’esistenza di antiche civiltà su Marte. Purtroppo è tutto frutto del nostro cervello, l’organo più importante che abbiamo e grazie a cui siamo quelli che siamo, non è infallibile. Perchè dunque molti sono portati a vedere cose strane su Marte? Un ruolo essenziale lo gioca la pareidolia, ovvero la tendenza a ricondurre a oggetti a noi noti quelle che in verità sono forme casuali. Quando osserviamo una qualsiasi cosa, la nostra mente tende a ricercare nell’archivio dell’esperienza pregressa un qualche cosa che già conosce e da associare a ciò che stiamo guardando. Questo processo di identificazione e categorizzazione degli oggetti, fa parte del nostro sistema di apprendimento e della nostra natura.

Marte – la stessa foto ripresa negli anni recenti dal Mars Reconnaissance Orbiter con la telecamera HIRISE

Questa immagine, nota come “Faccia su Marte” o Volto di Cydonia dimostra con quale facilità può essere ingannato il nostro cervello. Un altro esempio recente è il seguente, quella che sembra una sorta di “scultura” calpestata dal rover Curiosity della NASA.

La verità è che vediamo e cerchiamo di vedere volti ovunque, per ora gli unici alieni che abbiamo trovato su Marte sono quelli costruiti nella nostra testa. Seguono esempi vari di paraidolia

Una faccia dove meno te l’aspetti

Un uccellino o una chiesa?

 Una temibile scopa aliena

verascienza