1

E’ nato prima l’uovo o la gallina? Ricerche recenti sulla struttura delle uova ci danno una risposta

Quante volte avrete sentito porre questa domanda: “E’ nato prima l’uovo o la gallina?” per molti è stato un quesito irrisolvibile, c’è chi ha provato ad affrontare la soluzione partendo esclusivamente da un punto di vista lessicale dimostrando che la soluzione dipende da quando un uovo può essere considerato di gallina.

Media_http28mediatumb_nfazn

Ma ora grazie alla scienza, si è arrivati a una soluzione certa, ovvero che : è nata prima la gallina. La risposta a questa curiosa domanda viene da uno studio dell’Università di Sheffield e Warwick (Inghilterra). Lo studio abbastanza serio, ha per tema la ricerca sui processi che portano alla cristallizazione del carbonato di calcio e alla formazione della parte rigida del guscio delle uova. Il guscio è composto principalmente da cristalli di calcite, anche se il nome vi suonerà strano e non familiare, la calcite sta anche nelle nostre case, infatti è una delle cause delle incrostazioni calcaree dei tubi degli appartamenti.

Media_httpwwwmorselli_cmodc

(calcite – è il risultato della cristallizzazione del carbonato di calcio)

I cristalli di calcite si trovano in numerose ossa e anche nei gusci delle uova, nei polli in particolare si forma più velocemente che in altre specie ben 6 grammi in 24 ore. I ricercatori hanno scoperto che la formazione di gusci d’uovo si basa su una proteina presente solo nelle ovaie delle galline. Pertanto un uovo può esistere solo se è stato dentro una gallina. La proteina in questione (ovocledidin-17) agisce per accelerare lo sviluppo del guscio,inizia la conversione di carbonato di calcio nel corpo del pollo in cristalli di calcite, in assenza di questa proteina il guscio delle uova non si indurisce e quindi non può ospitare il pulcino. Il guscio rigido è essenziale per ospitare il tuorlo e i suoi fluidi protettivi mentre il pulcino si sviluppa al suo interno.

Scoperte come queste danno indicazioni per la progettazione di nuovi materiali e portano progressi nel campo della medicina ad esempio nella creazione di impianti ossei sintetici. La natura nei milioni di anni di evoluzione ha trovato soluzioni che funzionano per la risoluzione di molti problemi, sta alla scienza leggere e interpretare questi meccanismi per trarre un vantaggio per l’uomo.

verascienza

  • verascienza ha detto:

    Ciao Paolo, tengo a precisare che diversi tipi di specie aviarie sembrano avere una variante della proteina ovocledidin-17 che fa lo stesso lavoro.