HI-TECH: Il robot casalingo JIBO riceve un milione di dollari di finanziamento dalla Rete

I robot hanno da sempre una grande presa sul pubblico ed una lunga storia che affonda le sue radici nella Cina del primo millennio avanti Cristo. Il progresso tecnologico sta ormai rendendo reale il sogno di poter possedere un proprio robot, c’è ne sono ormai di tutti i tipi e i gusti. Oggi vi voglio raccontare dell’avventura del team di JIBO.

Definito da molti un robot, lo potremmo definire meglio come un assistente personale un bel pezzo di tecnologia, hardware e software che ricorda molto da vicino la visione tipica che abbiamo dei robot costruita da decine di film e telefilm. Non voglio dilungarmi troppo a descrivere le sue capacità, credo che il modo migliore sia guardare questo video promozionale che rende bene l’idea.

Quello che trovo interessante non è tanto il suo hardware o software, infondo è in grado di fare molte cose che già si possono o potrebbero fare con un normale smartphone, il plus su cui hanno scommesso i suoi creatori è che si tratta di un esempio di un robot progettato per essere emotivamente integrato con la famiglia. Riassumendo cosa è in grado di fare questo robot? Scattare foto, leggere e-mail e altri testi, ricordare dei promemoria ed obbedire a comandi vocali che attivano alcune funzioni. Nulla di straordinario quindi, eppure questo robot ha raccolto più di 1 milione di dollari di finanziamenti sulla piattaforma online Indiegogo, che permette di promuovere progetti creativi e raccogliere fondi in tutto il mondo. La società prevede di consegnare i primi modelli ai sostenitori che hanno finanziato il progetto in tempo per Natale 2015, ma gli sviluppatori otterranno la loro versione presumibilmente un paio di mesi prima, infatti un altro punto a suo favore è il fatto che sarà disponbile un ambiente di sviluppo per programmare ed estendere quello che JIBO sarà in grado di fare.

Riferimenti
https://www.indiegogo.com/projects/jibo-the-world-s-first-family-robot
http://www.myjibo.com/

verascienza