1

Il robot umanoide NAO

I robot sono stati sempre pensati come macchine in grado di sostituirsi al lavoro dell’uomo. Il rapporto uomo macchina è ormai di lunga data.L’uomo è sempre stato affascinato dall’idea di costruire una macchina simile all’uomo.I primi esempi di automatismi risalgono al tempo degli egiziani senza dimenticare poi i meccanismi ed automatismi che ci furono in Grecia ad opera di Erone e Filone di Bisanzio e ancora più vicino a noi lo sviluppo della meccanica empirica nel Rinascimento con Leonardo. Ma la robotica attuale sarebbe stata irraggiungibile senza avere a disposizione la matematica avanzata di Gauss, Lagrange, Laplace, usata in robotica contemporanea. La scienza che studia i robot si chiama robotica e abbraccia molte discipline scientifiche, tra cui: automazione, elettronica, fisica, informatica, matematica, meccanica ma anche umanistiche come biologia, fisiologia, linguistica e psicologia.

Oggi vi voglio parlare di un robot in particolare: è alto circa 50cm, programmabile dotato di un sistema operativo OS Linux, CPU x86 AMD da 500 Mhz, 1Gb di memoria flash e 256Mb di SDRAM, si connette con Wi-Fi ed Ethernet, due speaker, sintetizzatore vocale, due webcam come occhi, e ben 25 gradi di libertà che gli rende possibile ad esempio la capacità di rialzarsi autonomamente. E’ in possesso di una precisa visione stereo, raggiunta attraverso l’utilizzo di due videocamere CMOS con una risoluzione di 640×480 pixel, capaci entrambe di catturare sino a 30 immagini al secondo. Il nome di questo robot è NAO.

Questo video mostra 20 robot Naos che ballano in sincronia il Bolero di Ravel. Lo spettacolo a cura della France Pavilion, si è tenuto presso lo Shangai World Expo il 21 giugno scorso.

Bibliografia:

http://skuola.tiscali.it/tesine/tesina-robot.html

http://www2.aldebaran-robotics.com/en

http://www.maestroalberto.it/2010/07/01/20-robot-ballano-in-sincronia-video/

 

verascienza

  • Anonimo ha detto:

    Mitico, ballano meglio dei ragazzi di Amici di Maria De Filippi!