In Australia una pista ciclabile realizzata con cartucce di stampanti riciclate.

Le cartucce impiegate nelle comuni stampanti a getto di inchiostro sono prodotte con materiale plastico, nel caso specifico Polietilene Tereftalato, abbreviato come PET. Produrre un chilogrammo di plastica costa 2,86 litri di petrolio. Per ogni chilogrammo di plastica utilizzato per produrre una cartuccia vengono utilizzati circa 26 Kw/ora di energia elettrica. 500 chilogrammi di cartucce per stampanti non rigenerate sono una quantità di energia sprecata equivalente a quanta ne servirebbe per far funzionare per un anno intero una casa con 4 camere da letto, acqua calda e aria condizionata generate elettricamente. In australia si sono chiesti: perchè non cercare di riutilizzare le vecchie cartucce? 

L’ Australia’s National Park Service ha recentemente inaugurato una nuova pista ciclabile nel West MacDonnell National Park che comprende un percorso fatto di cartucce per stampanti riciclate. Il percorso di 17 km in bici collega Alice Springs a Simpsons Gap . Questa soluzione è abbastanza interessante perchè sarà necessaria poca manutenzione, e i materiali sono resistenti e si dà una mano all’ambiente.

Per quanto riguarda l’Italia , vi ricordo che, le cartucce usate di inchiostri per stampanti a getto e di toner per fotocopiatrici e stampanti laser devono essere riconsegnate ai negozi al momento in cui si acquistano le nuove. Potete anche portare le cartucce alle Stazioni ecologiche del vostro comune. Contattate il comune e chiedete informazioni.

Bibiliografia:

http://www.ecoink.net/?p=195

http://inhabitat.com/2010/06/09/australians-get-a-bike-path-made-from-recycled-printer-cartridges/

verascienza