Missione Rosetta, perchè è così importante analizzare il cuore di una cometa

Prosegue il lavoro del Team della missione Rosetta, la sonda che si trova in orbita attorno alla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko dopo un viaggio durato ben 10 anni. Gli scienziati in base ai dati analizzati hanno scelto due punti (uno principale e uno di riserva) per effettuare l’atterraggio del lander Philae sulla superficie della cometa il prossimo 12 novembre.

Copyright ESA/Rosetta/MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA

L’ESA, l’Agenzia Spaziale Europea ha pubblicato una video ricostruzione che spiega cosa avverrà quel giorno se tutto andrà come previsto. Il video mostra il rilascio del modulo Philae dalla sonda Rosetta. Ci vorranno diverse ore per raggiungere la superficie, bisogna ricordare che la cometa presenta una forza di gravità molto bassa rispetto a quella a cui siamo abituati noi sulla Terra, un sistema di arpioni bloccherà Philae sulla superficie. Una volta avuta la conferma che il modulo è ancorato inizierà la sua missione scientifica vera e propria facendo uso dei vari strumenti presenti a bordo, la batteria permetterà agli strumenti di funzionare 64 ore in autonomia ma poi sarà necessario fare uso dei pannelli solari. La scelta della posizione di atterraggio è stata quindi valutata attentamente per permettere di avere anche una adeguata illuminazione dei pannelli.

L’italia ha dato un forte contributo nella progettazione e realizzazione di diversi strumenti scientifici che si trovano a bordo.

  • VIRTIS (Visible and Infrared Thermal Imaging Spectrometer)
  • GIADA (Grain Impact Analyser and Dust Accumulator)
  • OSIRIS/WAC (Optical, Spectroscopic, and Infrared Remote Imaging System)
  • SD2 – Sample Drill&Distribution

L’SD2 realizzato dal Politecnico di Milano e da Selex-Galileo in particolare giocherà un ruolo chiave per la riuscita della missione, infatti cercherà di penetrare il suolo della cometa arrivando a 23 cm di profondità. I campioni prelevati verranno poi analizzati dai vari strumenti che eseguiranno analisi chimico fisiche per stabilirne la composizione del materiale raccolto e la presenza ad esempio di molecole organiche complesse e magari di amminoacidi (i mattoni delle proteine). Potete trovare maggiorni informazioni sulla pagina ufficiale dedicata allo strumento http://www.aero.polimi.it/SD2/ e seguire l’account twitter https://twitter.com/RosettaSD2 che suppongo sarà aggiornato di frequente quando la missione entrerà nel vivo.

Raggiungere una cometa, cercare di atterrarvi sopra è una sfida tecnologica che ha richiesto anni di studi, preparazione e un grande sforzo economico ed umano. Molti considerano i soldi e le risorse usate in ambito aereospaziale semplicemente uno spreco, ma questo tipo di valutazione è causata solo da una cattiva informazione e sull’ignoranza riguardo il valore delle ricadute tecnologiche e non solo che si possono avere da una tale missione. Da dove vengono le comete? Quale la loro composizione? Hanno avuto un ruolo nella creazione della vita? Le comete inoltre sempre di più negli ultimi anni risultano essere le candidate per la risoluzione di un enigma non meno importante degli altri, ovvero da dove viene tutta l’acqua che abbiamo sul nostro pianeta? La speranza degli scienziati è di poter dare una risposta a queste ed altre domande, appena inizieranno ad analizzare i dati raccolti dalla missione Rosetta. Il 12 novembre 2014 potrebbe diventare una data storica, non rimane che aspettare e vedere come andrà, bisogna avere ancora un pò di pazienza.

verascienza