Perchè Goldrake e Mazinga Zeta combattevano i vegani, forse a causa della loro dieta?

Tutti noi da piccoli abbiamo seguito le gesta di Goldrake, ricordate la storia? La storia di Goldrake inizia con l’invasione del pianeta Fleed da parte del Re Vega in quanto la stella di Vega stava morendo e l’unica speranza di sopravvivenza era quello di trovare un altro pianeta. Il principe di Fleed era il personaggio che comandava Goldrake. Questi robot quindi combattevano gli abitanti di Vega per difesa, e non certo per la loro dieta.

Quante volte abbiamo sentito il termine vegetariano, questo viene utilizzato per indicare diete molto diverse, compresa quella vegana, e questo rende difficile capire quali sia l’impatto di ciascuna sulla salute.

Con il termine vegani non si identificano i personaggi del famoso cartone animato ma bensì una categoria di persone che non si cibano di alimenti di origine animale (carne,pesce,uova,latte). Essere vengani è sia una scelta alimentare che etica (si oppongono all’allevamento di animali). In italia le ultime ricerche riportano che le persone che si affidano a questo regime alimentare sono soprattutto giovani, più femmine, cultura medio-alta.

Media_httpwwwavventon_ylxtq

Quali sono i pro e i contro ? La dieta vegana può aumentare il rischio di trombi e di aterosclerosi, e dunque di infarto e ictus, nelle persone che la adottano, poiché contribuisce a rendere i vasi sanguigni più duri. Ma in ogni caso ricordiamo che i forti consumatori di carne sono quelli a maggior rischio cardiovascolare. L’alimentazione vegana tende infatti a essere carente di alcuni nutrienti chiave come il ferro, lo zinco, la vitamina B12 importante per la maturazione dei globuli rossi e coinvolta nel metabolismo della omocisteina, gli acidi grassi omega-3 questi ultimi si possono ottenere anche a partire dall’ acido alfa linolenico presente in alcuni ortaggi e nelle noci, ma sono particolarmente necessari nei primi anni di vita e nella vecchiaia.

Come risultato, i vegani tendono ad avere elevati livelli di omocisteina e basse quantità di colesterolo ‘buono’, l’Hdl, nel sangue: entrambe queste situazioni espongono al rischio di malattie cardiache. Alcuni pensano che questo tipo di alimentazione protegga inoltre totalmente dai tumori ma nostante la grande quantità di vegetali assunti dai vegani e l’assenza di alimenti, come la carne rossa e le carni lavorate (di solito associati in letteratura con un aumentato rischio di tumori del colon retto) le statistiche dimostrano che non si ha una un diminuzione del rischio di tumori. Si pensa, quindi, che la responsabilità di questo mancato effetto sia da ricondurre al basso livello di vitamina D, spesso riportato nei vegani e di recente associato con un aumentato rischio di tumori.

Qualunque sia la scelta del vostro regime alimentare, la regola d vita che dovete tenere sempre a mente è la seguente:

“La Salute non può essere comperata o venduta, non può essere ottenuta da pillole o porzioni ma è il prodotto di molti anni di scelte sagge”

Bibliografia:

http://www.freeonline.org/cs/com/cs-120057/

http://www.sanitaincifre.it/2011/02/la-dieta-vegana-e-rischiosa-per-cuore-e-arterie/

http://www.indipedia.it/ecologia/troppe-carenze-se-escludi-latte-formaggi-e-uova

http://www.informarmy.com/2010/02/la-dieta-vegana-nel-diabete-mellito.html

http://www.oldeconomy.org/2011/02/dieta-vegetariana-linee-guida-su-come-diventare-vegetariani.html/

http://www.albanesi.it/Alimentazione/vegana.htm

http://www.thesparker.com/

verascienza