Un breve sguardo al nostro futuro in un periodo compreso tra 50.000 e 7 miliardi di anni

Tra i vari messaggi ricevuti negli ultimi tempi alcuni mi hanno chiesto, di parlare del futuro. Che cosa succederà a noi e alla terra tra migliaia di anni o miliardi di anni? Ricordiamo che la terra ha una età di 4.5 miliardi di anni e le prime tracce di esseri umani risalgono poco meno a soli 2 milioni di anni fa. Cosa ci riserva il futuro?

Tra 50 mila anni finirà l’epoca geologica dell’Antropocene. Antropocene è un termine coniato nel 2000 dallo scienziato Premio Nobel Paul Crutzen per definire l’era geologica attuale, in cui l’uomo e le sue attività sono le principali fautrici delle modifiche climatiche mondiali. Il termine deriva infatti dal greco anthropos, che significa uomo. Questo termine comunque non vuole sostituire, nell’intento dello scienziato, il termine corrente usato per l’era geologica in cui viviamo, l’Olocene, ma definire in modo dettagliato l’impatto che l’Homo sapiens ha sull’equilibrio del pianeta.

La fine (solo del nostro sistema solare):

Non succede molto dopo questo punto, a meno che non si considerano tutti i possibili colpi di scena causati da emozionanti ma imprevedibile scoperte come quella di varie forme di vita intelligente. Dovremmo vivere diversamente qui sulla terra , se vogliamo dare una qualche speranza di sopravvivenza alla nostra specie e non dobbiamo continuare a essere consumati dalle nostre differenze e credenze bensì dobbiamo essere coesi, uniti e investire nella ricerca, nella scienza. Lo dobbiamo a noi stessi e alle innumerevoli generazioni future, in modo che la razza umana possa andare avanti per testimoniare che la nostra specie non è stata solo una inutile minuscola frazione di questa sequenza temporale.

Bibliografia:

http://thefutureofourworld.ytmnd.com/

http://it.wikipedia.org/wiki/Antropocene

verascienza