Visita immersiva virtuale nella cappella sistina – virtual reality

La Cappella Sistina prende il nome da Papa Sisto IV della Rovere (pontefice dal 1471 al 1484) che fece ristrutturare l’antica Cappella Magna tra il 1477 e il 1480. Il grande ciclo della Cappella Sistina fu realizzato da Michelangelo in un arco temporale di circa quattro anni (1508-1512) di getto, senza alcuna interruzione con una tecnica che era quella tradizionale dell’affresco, che consisteva nello stendere strati di colore su zone di intonaco fresco, appena sistemato sulla parete.In tal modo, il colore era assorbito dallo strato ancora fresco dell’intonaco ed una volta asciutto costituiva un corpo unico: colore-intonaco, in grado di conservarsi perfettamente nel tempo. Grazie alle moderne tecniche di fotografia digitale i musei vaticani hanno messo a disposizione online un viaggio virtuale dentro questo capolavoro. La tecniche utilizzata è quella delle foto panoramiche a 360 gradi. Questa tecnologia permette di muoversi in piena libertà all’interno di scene virtuali mediante il semplice mouse, inoltre è possibile:

  •   ruotare il campo visivo sui 360 gradi
  •   zoomare su un qualsiasi particolare
  •   selezionare oggetti, astrarli dalla scena ed analizzarli in dettaglio da ogni angolazione
  •   individuare gli altri punti visivi e ‘saltare’ da uno all’altro

I panorami  sono formati da una serie di fotografie, che vengono “attaccate” tra di loro. L’immagine che ne deriva viene chiusa a formare un cilindro ricreando l’ambiente a 360°. Nel caso dei panorami la macchina fotografica ruota di 360° sulla propria asse.

Cliccate al seguente link per iniziare il viaggio, tenete premuto poi il pulsante sinistro del mouse e spostatelo per spostarvi virtualmente.

–> http://www.vatican.va/various/cappelle/sistina_vr/index.html

 

verascienza